"Dato che i viaggiatori devono spesso affrontare interruzioni durante il viaggio, offro soluzioni ai problemi che trasmettono un know-how speciale e quindi un certo grado di sicurezza!"

Guida all'auto-aiuto

Una vita che ricorda Indiana Jones

Anton Lennartz è probabilmente il più importante esperto di sopravvivenza attiva in Germania. Tony Lennartz combina le conoscenze teoriche e pratiche in un modo che lo rende facile e avvincente da capire per i profani. Chiunque gli parli della sua vita, sbircia involontariamente fedora: cappello, giacca di pelle e frusta.

Perché Anton "Tony" Lennartz ha condotto una vita - invidiosa - che ricorda quella dell'eroe del cinema Indiana Jones. Proprio come quella di cacciatori come Kit Carson o Jim Bridger.

Originariamente un poliziotto, il nativo della Renania era interessato alla vita nelle regioni che un tempo venivano chiamate "la natura selvaggia" fin da giovane. Seguì una vasta esperienza con i cacciatori di caccia e le First Nations canadesi, oltre a spedizioni spettacolari.

Una lezione pratica

Nella sua conferenza "On the road with improvised aids" mostra come gli oggetti e le attrezzature di uso quotidiano possano essere usati in modo improprio o reinventati per adattarli a nuove esigenze in situazioni precarie.
Mostra come realizzare un fornello da barattolo da una lattina di birra e come realizzare l'amo da pesca perfetto con un osso di uccello. Dimostra che gli avventurieri senza equipaggiamento, con pochi bastoncini, possono costruire un argano e pulegge e usarlo per trainare un veicolo con facilità, almeno in caso di emergenza.
Come usare una corda per attraversare l'acqua senza toccare l'acqua. Anche come garantire la propria sicurezza su percorsi sconosciuti viene trasmesso in modo divertente.

Nessuna avventura senza rischi

Il nostro mondo sta diventando "più piccolo" ma non più fine. L'industria del turismo apre aree lontane e remote. Le prenotazioni di viaggio vengono effettuate facilmente dal computer di casa. La facilità di prenotazione suggerisce "andare alla leggera" alle persone e diventano negligenti.

Poiché di solito ci sono grandi aspettative riguardo al viaggio, i testi pubblicitari sono elevati a realtà immaginarie. Disturbi o pericoli non sono mai menzionati in esso e quindi banditi dal proprio pensiero. Che cosa accadrà? Almeno hai una buona assicurazione. Eventuali conflitti possono essere risolti legalmente e problemi tecnici sono delegati al servizio di soccorso stradale.

Questo presunto potenziamento della propria sicurezza può finire molto rapidamente nel caos. "Il tempo è improvvisamente cambiato." "Il navigatore non funzionava più." "Il nostro bagaglio è stato rubato!"... Questo elenco può essere esteso molte volte e purtroppo sono proprio queste frasi che spesso portano a storie che portano a un finale spiacevole da condurre.

0

Il carrello